Ricette con Prosciutto

Tortino di rete

Toc, toc. Pronto? Funziona questo coso? Ci sentite? Forte e chiaro?

Beh, evidentemente sì... dobbiamo dire la verità, ci eravamo un po' preoccupati che oggi i nostri affezionati lettori non potessero godere dell'imprescindibile lettura quotidiana del nostro blog. Sapete perché? Perché oggi è l'IPv6 Day è chiaro! Cioè il giorno in cui, più o meno tutta Internet dovrebbe essere irraggiungibile grazie alla brillante idea di abilitare questo fulgido nuovo standard di comunicazione sulle reti. Idea questa che sarà balenata nella mente degli stessi geniacci che hanno creato lo slogan dell'evento “the future is forever” (“the umbrella is on the table” avrebbe avuto più senso).

Ma dato che Internet sembra essere ancora in piedi, nonostante i nostri ripetuti tentativi di cercare "google" su Google, siamo obbligati a presentarvi una ricetta che abbia a che fare con l'oscuro e umido mondo delle reti di comunicazione informatica! La ricetta di oggi infatti, rappresenta la secondo alcuni (noi) perfetta trasposizione culinaria del famigerato stack TCP/IP, il gruppo di protocolli grazie al quale potete ogni giorno condividere link raccapriccianti su Facebook.

Ancora, ancora, ancora!

Omelette agli asparagi

Siamo sicuri che gettare delle uova in un tegame caldo ed aspettare che si rapprendano non sia un'idea particolarmente originale. È probabilmente per questo che il suddetto piatto viene indicato come “piatto tipico” da varie culture, come omelette dai francesi, tortilla dagli spagnoli e frittata in Italia, seppure con piccole differenze stilistiche.

La qui presentata omelette viene solitamente preparata lasciando l'uovo non del tutto cotto, ottenendo dunque una consistenza liquida, ed aggiungendo solo successivamente i condimenti. Si trova conferma dunque della predilezione di pietanze molli e francamente disgustose da parte dei nostri amici transalpini dalla R moscia. Di solito l'omelette viene anche piegata in due (o in tre parti) andando quindi a coprire il condimento al suo interno.

La leggenda vuole che Napoleone, durante i suoi viaggi di conquista con il suo esercito, si sia fermato nella cittadina di Bessières. Dopo aver mangiato una omelette preparata da un cuoco locale, ne fu così entusiasta che ordinò ai suoi soldati di radunare tutte le uova del paese e di preparare dunque una mega-omelette per l'intera armata. Ora, è evidente che questa storia è senza dubbio falsa. Ma del resto anche il fatto che la nostra ricetta sia commestibile è una menzogna piuttosto evidente.
Chi siamo noi per giudicare?

Vedi il resto dell'articolo…

Momento pubblicità