Ricette con Kirsch

Läckerli di Basilea

Läckerli di Basilea

Il natale è prossimo! Se non siete fuggiti prima per regalarvi un periodo invernale alle Maldive o caduti in coma farmacologico per l’odore di cannella e zenzero nell’aria, probabilmente vi starete preparando per delle epiche mangiate con parenti di cui (per qualche buona ragione) avete rimosso ogni ricordo dall’anno scorso.

L’attacco è la miglior difesa per sopravvivere a questo tour de force: prepareremo dei dolciumi che potranno fungere egualmente come munizione contro gli invitati e come regalino (nessuno è mai rimasto male per un sacchetto di biscotti). Per proseguire con la spiacevole piega filo-elvetica del blog, prepareremo dei Läckerli di Basilea! Questa città situata all’intersezione tra Svizzera, Germania e Francia è nota prevalentemente perché metà della popolazione si mostra visibilmente addolorata se gli si dovesse parlare in francese, l’altra metà profondamente insultata se si utilizza il tedesco e tutti rispondono con equo sdegno al suono dell’italiano.

Questa intollerante città sul Reno ospitò dal 1431 al 1449 il “Concilio di Basilea”, indetto da Papa Martino V, noto per la sua fervida fantasia. Per accogliere i cardinali della chiesa romana e quella d’oriente si cercò di produrre una versione più nobile del solito pan pepato così in voga nel XV secolo: la cosiddetta Gilda dello Zafferano (composta da mercanti e speziali) si ingegnò nel produrre questi mattoncini iper-calorici degni di un re. O almeno di un blog squinternato.

Quale sarà l'epilogo di questo articolo?

Fonduta svizzera all’italiana

Fonduta

Vedete questa brodaglia dal colorito equivoco? Bene, non è quello che pensate!

Si tratta invece di una sostanza piuttosto liquida, di colore giallino, dall'odore gradevole a pochi eletti e dalla pesantezza offensiva per ogni dietologo che si rispetti: la fonduta, aka la kryptonite di ogni intollerante al lattosio.

In questa ricetta verrà spiegato nei minimi dettagli come non realizzarne una in base ad antiche e segrete tradizioni tramandate da padre in figlio, da figlio in mucca e da mucca in nipote nella terra degli orologi a cucù (da dove Lorenz proviene).

La difficoltà della ricetta è del tutto relativa: basta mettere gli ingredienti nella gialla marmitta stregonesca e aspettare che i vostri compagni periscano grazie ai gradevoli fumi che verranno sprigionati. Ecco un altro lato positivo della ricetta: doveste fare delle puzze durante il procedimento, nessuno se ne accorgerà! Anzi potrebbe capitare che qualcuno, con fare da intenditore, ne commenti l'intenso e fragrante aroma.

Avanti…

Momento pubblicità